CULTURE CLUB

In Gran Bretagna agli inizi degli anni 80 si forma grazie all’esperienza musicale acquisita da Boy George, un gruppo che diventerà poi leader nel genere synth-pop, il suo nome è Culture Club. La formazione si avvale dei musicisti: Mikey Graig al basso, Roy Hay tastiere e Jon Moss alle percussioni. La prima produzione a 33 giri prende il titolo di Kissing to Be Clever e il primo singolo, White Boy non riusce comunque ad affermarsi, anche il secondo singolo I’m Afraid of Me fa la stessa fine. Solo con il terzo 45 giri arriva il successo, Do You Really Want to Hurt Me, arriva in vetta a tutte le classifiche raggiungendo la prima posizione in Europa e Stati Uniti. L’album sforna ad uno ad uno vere hit, da Time a I’ll Tumble 4 Ya e addirittura si arrivo’ ad avere quattro singoli in classifica, l’album vende 2 milioni di copie e Boy George si impone per il suo modo eccentrico di vestire. La produzione artistica fa si che nel 1983 esca Colour by numbers, nel lavoro discografico ci sono i brani: Church of the Poison Mind, che di nuovo scala le classifiche europee e d’oltre oceano e il secondo singolo, Karma Chameleon, che diventa numero uno in Gran Bretagna e Stati Uniti, anche in questo caso si sfornano altre hit dall’album: Miss Me Blind, It’s a Miracle e il lento Victims, salgono a cinque milioni le copie vendute per questo lavoro. All’interno della band si hanno i primi litigi e controversie dovute alle storie sentimentali dei componenti stessi. Con il 1984 arriva Waking Up with the House on Fire che si rivela un flop, non ottiene il successo sperato, solo il singolo The War Song da onore all’album. Due anni dopo si ripresentano al pubblico con il quarto album, From Luxury to Heartache, con una produzione musicale piu’ curata e solo il primo 45 giri Move Away entra in classifica. Dopo la cocente delusione Boy George inizia la carriera da solista e nel 1987 si presenta con l’album Sold e il brano Everything I Own, che diventa numero uno. Nello stesso anno il gruppo pubblica una raccolta di successi dal titolo This Time – The First Four Years che racchiude tutte le hit piu’ significative. I Culture Club alterna il loro lavoro con la carriera solista da DJ di Boy George.